Pagina in fase di rielaborazione

 

La Legge 107 del 2015 ha tracciato le nuove linee per l’elaborazione del Piano dell’offerta formativa che avrà ormai una durata triennale, ma sarà rivedibile annualmente entro il mese di ottobre di ciascun anno scolastico. L’art.3 del DPR n.275 del 1999 è stato difatti novellato dal comma 14 della legge succitata che ne ha cambiato anche le modalità di elaborazione, affidando un ruolo preminente al dirigente scolastico, chiamato nella nuova previsione normativa, a definire al collegio dei docenti, gli indirizzi per le attività della scuola e per le scelte di gestione e di amministrazione. L’intera progettazione del piano è quindi consegnata nelle mani del collegio, al contrario la sua approvazione avverrà in seno al consiglio di istituto.

Gli atti di indirizzo forniti dal dirigente scolastico costituiscono quindi la base da cui partire per l’ elaborazione del Piano triennale dell’offerta formativa. Una volta preso atto degli orientamenti ed esternata la meta, agli attori ed esecutori del piano non resta che l’individuazione delle parti o sezioni che andranno a formare il profilo del documento.

I contenuti si possono stralciare dalla legge 107 del 2015 non facendo assolutamente tabula rasa del DPR n.275 del 1999 che costituisce ancora oggi un valido supporto a sostegno del sistema scolastico autonomo. Benché la legge 107, al comma 1, intenda dare con la presente “piena attuazione all’autonomia delle istituzioni scolastiche di cui all’articolo 21 della legge 15 marzo 1997, n.59” restano ancora salve le disposizioni stabilite nel regolamento dell’autonomia

Attribuzione delle Funzioni Strumentali al P.T.O.F al personale docente

Il Dirigente Scolastico

VISTO l’art. 30 del CCNL -scuola sottoscritto il 24/07/2003;

VISTO la delibera del 28 settembre 2016 con la quale il Collegio dei Docenti ha:

    - identificato nell’ambito del PTOF le aree previste dall’art. 30 del CCNL, definendo, altresì, la duratale competenze e i requisiti necessari per l’accesso a ciascuna delle funzioni medesime,

    - designato, con adeguata motivazione, i docenti cui assegnare l’incarico di Funzione Strumentale al PTOF.

ATTRIBUISCE le Funzioni Strumentali al PTOF al personale Docente in servizio, per il corrente anno scolastico 2017/2018 come segue:

Area n. 1 - Gestione del P.T.O.F.  - Responsabili: prof.ssa Giovanna Bellomo, ins. Calogera Sorce

Area n. 2  - Interventi e servizi per gli alunni - Responsabili: prof.ssa Monia Amato, ins. Concetta Sgarito

Area n. 3  - Inclusione e BES - Responsabili: prof.ssa Giovanna Arnone, ins. Maria Canicattì

Area n. 4  - Supporto al lavoro dei docenti - Responsabile: prof. Antonio Sciortino

Area n. 5 - Autovalutazione e valutazione d'istituto - Responsabili: prof. Gaetano Lentini, ins. Antonietta Vita

AREA 5

AREA 5: Autovalutazione e valutazione d'istituto - prof. Gaetano Lentini, ins. Antonietta Vita

  • Predisposizione e aggiornamento RAV e PdM.
  • Valutazione INVALSI.
  • Valutazione interna ed esterna.
  • Monitoraggio della qualità del servizio scolastico.
  • Coordinamento gruppo di valutazione d’istituto (GAUS).
  • Curare i rapporti con EE.LL., Associazioni, altre scuole del territorio.
  • Curare i progetti formativi d’intesa con Enti, Associazioni, Scuole.
  • Predisposizione questionari per valutazione qualità dell’offerta formativa, tabulazione e diffusione dei risultati;

 

 .

 

Go to top