Descrizione: C:Userswin7Desktopsd-box-pnsd.png                                  Modello Programmazione Unità di Apprendimento

 

 

 

 SCARICA IL PIANO    

 

Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) è il documento di indirizzo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per il lancio di una strategia complessiva di innovazione della scuola italiana e per un nuovo posizionamento del suo sistema educativo nell’era digitale.

È un pilastro fondamentale de La Buona Scuola (legge 107/2015), che persegue l’innovazione del sistema scolastico e le opportunità dell’educazione digitale.

Le tecnologie vanno intese, dunque, come uno strumento abilitante, quotidiano, ordinario al servizio dell’attività scolastica, in un’idea rinnovata di scuola, non più semplice luogo fisico, ma spazio aperto per l’apprendimento e l’acquisizione di competenze di vita.

Il ruolo di coordinare la diffusione digitale nell’ambito delle azioni previste dal PTOF e le attività del PNSD è affidato alla figura dell’Animatore digitale che affianca il Dirigente scolastico e il Direttore dei Servizi Generali Amministrativi (DSGA) nella progettazione e realizzazione dei progetti di innovazione digitale contenuti nel PNSD ed è responsabile dell’attuazione dei progetti e delle indicazioni contenute nel Piano che coordina, promuove e diffonde nella scuola di appartenenza.

Il profilo dell’Animatore Digitale (cfr. Azione #28 del PNSD) è rivolto a:

FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, (senza essere necessariamente un formatore), favorendo la partecipazione di tutta la comunità scolastica alle attività formative;

COINVOLGIMENTO DELLA COMUNITA’ SCOLASTICA: favorire la partecipazione e stimolare il protagonismo degli studenti nell’organizzazione di attività, anche strutturate, sui temi del PNSD, anche attraverso momenti formativi aperti alle famiglie e ad altri attori del territorio, per la realizzazione di una cultura digitale condivisa;

 CREAZIONE DI SOLUZIONI INNOVATIVE: individuare soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili da diffondere all’interno degli ambienti della scuola (es. uso di particolari strumenti per la didattica di cui la scuola si è dotata; la pratica di una metodologia comune; informazione su innovazioni esistenti in altre scuole; un laboratorio di coding per tutti gli studenti), coerenti con l’analisi dei fabbisogni della scuola stessa, anche in sinergia con attività di assistenza tecnica condotta da altre figure.

Go to top